Benvenuto nel portale della Rete Civica del Comune di Marzabotto - clicca per andare alla home page

Concessioni cimiteriali - normativa

 

Diritto d’uso di manufatti: concessione cimiteriale

Il diritto d’uso di manufatti costruiti dal Comune (loculi, ossari e nicchie cinerarie) è oneroso, secondo le tariffe deliberate dalla Giunta comunale, ed avviene mediante stipula di apposito atto di concessione amministrativa di diritto pubblico su bene soggetto al regime dei beni demaniali, lasciando integra la proprietà del Comune.

La concessione di manufatti costruiti dal Comune (concessione cimiteriale) è consentita anche non in presenza dell’evento morte, quindi anticipatamente.

Per sopravvenute esigenze di disponibilità di posti cimiteriali, la Giunta comunale potrà disporre, nei confronti di un determinato cimitero e/o per un periodo di tempo determinato, limitazioni a quanto stabilito al punto precedente

La scelta del manufatto avviene a libera scelta del concessionario, sulla base delle disponibilità del momento.

L’utilizzo della sepoltura, consistente nella facoltà fare tumulare salme e/o resti, è riservato alla persona del concessionario, fino al completamento della capienza del sepolcro.

Con la concessione cimiteriale il Comune conferisce al privato concessionario il solo diritto d’uso della sepoltura, lasciando integra la proprietà del Comune stesso; tale diritto d’uso non è commerciabile, né trasferibile o comunque cedibile; ogni atto contrario è nullo di diritto. Pertanto la concessione in uso delle sepolture non può in nessun caso essere trasferita a terzi, ma solamente retrocessa al Comune con le modalità di cui al successivo articolo 46.

La concessione non può essere fatta a persone che mirino a farne oggetto di lucro.

 

Durata delle concessioni cimiteriali

Tutte le concessioni cimiteriali rilasciate dal Comune fino alla data del 10 febbraio 1976 (entrata in vigore del D.P.R. 803/1975) sono in perpetuo.

Tutte le concessioni rilasciate successivamente alla data del 10 febbraio 1976 sono a tempo determinato ai sensi dell’articolo 92 del D.P.R. n. 285/1990.

Laddove si riscontrino situazioni non conformi a quanto indicato nei precedenti commi 1 e 2, la durata delle relative concessioni viene d’ufficio stabilita come sopra specificato e pertanto:

  • eventuali concessioni a tempo determinato rilasciate precedentemente  al 10 febbraio 1976, sono da considerarsi in perpetuo;

  • eventuali concessioni in perpetuo rilasciate successivamente al 10 febbraio 1976, sono da considerarsi a tempo determinato e della seguente durata: n. 30 (trenta) anni per i loculi e n. 50 (cinquanta) anni per gli ossari.

La durata delle concessioni cimiteriali è fissata come segue:

  • anni 30 (trenta) per i loculi;

  • anni 50 (cinquanta) per gli ossari e le nicchie cinerarie.

La decorrenza della concessione coincide con la data della prima sepoltura.

Quando la data di sepoltura non è certa e l’occupazione è avvenuta immediatamente a seguito del decesso, si fa riferimento alla data della morte.

Quando la data di sepoltura non è certa, e l’occupazione è avvenuta per ricollocazione di resti mortali derivanti da operazioni di traslazione, esumazione o cremazione, si fa riferimento alla data del contratto di concessione.

E’ consentito il rinnovo delle concessioni cimiteriali in scadenza.

 

Contratto di concessione cimiteriale

La concessione del diritto d’uso di una sepoltura (concessione cimiteriale) deve risultare da contratto atto scritto, stipulato in nome e per conto del Comune dal Responsabile del Servizio Polizia mortuaria o da suo delegato.

 

Deposito provvisorio

A richiesta delle famiglie dei defunti, il feretro può essere provvisoriamente deposto in un loculo che sia nella piena ed illimitata disponibilità del Comune, previo pagamento del canone stabilito.

La durata del deposito provvisorio può essere di minimo 90 (novanta) giorni fino ad un massimo di 3 (tre) anni e deve risultare da atto di concessione scritto.

Il canone di utilizzo è calcolato in periodi di 90 (novanta) giorni, e i periodi inferiori a 90 (novanta) giorni sono computati come periodo intero.

Il canone di utilizzo non può essere in alcun modo computato come anticipazione di una concessione.

Le salme tumulate in deposito provvisorio devono essere estumulate e collocate nella sede definitiva, a cura e spese del concessionario, entro 30 giorni dalla data di scadenza del periodo concordato.

Scaduto il termine senza che l’interessato abbia provveduto all’estumulazione del feretro per la definitiva sistemazione, il Comune provvede a inumare la salma in campo comune, fermo restando l’obbligo per il richiedente di corrispondere le tariffe applicabili all’operazione di inumazione.

Tale salma, una volta inumata, non potrà essere nuovamente tumulata in loculo a deposito provvisorio, ma solo in loculo definitivo o cremata.

E’ consentita, alle medesime condizioni e modalità, la tumulazione provvisoria di cassette contenenti resti ossei e di urne cinerarie.

 

Manutenzione

La manutenzione delle sepolture private comprende ogni intervento ordinario o straordinario, nonché l’esecuzione di opere o restauri che il Comune intenda prescrivere in quanto valutata indispensabile od opportuna per motivi di decoro, di sicurezza o di igiene.

Per le sepolture private costruite da privati prima dell’entrata in vigore del presente regolamento (c.d. tombe di famiglia) alla manutenzione ordinaria e straordinaria provvedono i proprietari o i loro eredi.

Per le sepolture private costruite dal Comune, alla manutenzione ordinaria e straordinaria provvede interamente il Comune, salvo quanto indicato al comma seguente.

Per la sola manutenzione straordinaria delle sole sepolture private concesse “in perpetuo” il Comune richiederà ai concessionari il contributo di competenza, trattandosi di intervento a carico dei concessionari stessi. Il valore del contributo da richiedere ai singoli privati concessionari, proporzionale all’entità delle sepolture avute in concessione, sarà definito contestualmente all’atto di approvazione dei lavori di manutenzione straordinaria medesimi.

 

Intestatario e avente titolo

La concessione può avere come intestatario un richiedente solo. Non sono previste divisioni o individuazioni di separate quote di un unico sepolcro.

In caso di decesso del concessionario di una sepoltura privata, gli eredi sono tenuti a darne comunicazione al Servizio Polizia mortuaria entro 6 (sei) mesi dalla data di decesso, comunicando il nominativo dell’erede avente titolo; anche nel caso di pluralità di eredi, dovrà essere designato uno solo di essi quale avente titolo della concessione nei confronti del Comune.

In difetto di designazione di un avente titolo della concessione, il Comune provvede d’ufficio all’individuazione dell’avente titolo stesso, individuando, in caso di pluralità di eredi, uno solo di essi, scegliendolo tra gli eredi secondo criteri di opportunità in relazione alle esigenze di comunicazione inerenti la concessione.

 

Rinuncia a concessione

Il Comune ha facoltà di accettare la rinuncia a concessione di manufatti prima della scadenza, quando la sepoltura non sia stata occupata da salma o da resti o quando, essendo stata occupata, la salma o i resti siano stati trasferiti in altra sede. I manufatti oggetto di rinuncia dovranno essere liberi al momento della richiesta di rinuncia pena il non accoglimento della medesima.

Il concessionario che intende rinunciare alla concessione deve inoltrare domanda al Responsabile del Servizio Polizia mortuaria, il quale, in caso di accoglimento, provvederà con proprio atto ad autorizzare la retrocessione.

In questo caso al concessionario rinunciante spetta il rimborso di una somma così calcolata

rimborso = costo concessione x n. anni di residua durata

n. anni durata concessione

precisandosi che il costo della concessione è quello vigente al momento della domanda di rinuncia e che gli anni di residua durata sono calcolati in ragione di anno intero o frazione di anno superiore a n.180 giorni con decorrenza dalla data della concessione, ancorché non sia avvenuta alcuna tumulazione.

 

Normativa

D.P.R. 10/09/1990 n. 285

Regolamento comunale di Polizia Mortuaria (delibera di C.C. n. 13 del 18 febbraio 2009)

 

 

 

 

 

 

logo piccolo comune.jpg

 

COMUNE DI MARZABOTTO 

Settore Servizi Generali

Responsabile  Marina Gensini

Indirizzo  P.zza XX Settembre n. 1 – 40043 Marzabotto Bo

Orario   Tutti i giorni feriali dal lunedì al sabato dalle ore 08:30 alle ore 12:30

Telefono  051 6780511

Fax  051 931350

E-mail  urp@comune.marzabotto.bo.it

Sito Web  http://www.comune.marzabotto.bo.it

 



torna alla pagina precedente
cerca nel sito
motore di ricerca
Leggibilità
LeggibilitàVisualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica
 
<< settembre 2020 >>
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
             
 
 

Comune di Marzabotto
Piazza XX Settembre, n. 1 40043 - Marzabotto tel. +39.0516780511 - fax: +39.051.931350
Indirizzo di posta elettronica certificata: comune.marzabotto@cert.provincia.bo.it
PARTITA IVA : 00530261205 CODICE FISCALE :01042720373


Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2007 ::