Benvenuto nel portale della Rete Civica del Comune di Marzabotto - clicca per andare alla home page
HOME » Turismo e ospitalità | La storia e la memoria | Sacrario - Tempio ossario

clicca per stampare il contenuto di questa paginastampa

Il Sacrario di Marzabotto

 

icona xls piccola Elenco nominativi delle persone custodite presso il Sacrario Marzabotto


Aperto al pubblico

Tutti i giorni escluso il lunedì dalle ore 9 alle 11.45 e dalle 14 alle 16,45 (1° ottobre - 15 maggio) e dalle ore 9 alle 12,15 e dalle ore 15 alle 17,15 (16 maggio - 30 settembre).


sacr1.gif

 

Si trova al centro della cittadina situata sulla strada statale della Porrettana a circa Km. 25 da Bologna, ed è collocato nel piano sottostante (cripta) del fabbricato della Chiesa parrocchiale del Capoluogo.


E' stato edificato dopo i tragici eventi della seconda guerra mondiale onde ricordare degnamente tutte le vittime di guerra pietosamente raccolte in quelle martoriate terre.

 

Nell'ottobre 1946 il Ministero dell'Assistenza Postbellica (Ministro Sereni) dispose lo stanziamento di sei milioni per il Comune di Marzabotto per dare inizio ai lavori di un Cimitero Monumentale/Sacrario. Nel 1949, in settembre, il Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti dipendente dal Ministero della Difesa, in seguito all'interessamento dell'Amministrazione Comunale di Marzabotto dispone il finanziamento per la Cripta Ossario. La costruzione venne completata nel 1960. L'inaugurazione avvenne l'8 ottobre del 1961 alla presenza, tra gli altri, del Ministro della Difesa Giulio Andreotti.

 

Il Sacrario di Marzabotto appartiene, come altri sacrari militari della 2^ guerra mondiale, al Ministero delle Difesa ed è gestito dal Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra, il quale si avvale di apposita convenzione annuale con il Comune di Marzabotto per garantirne la gestione ordinaria.


Nel Sacrario sono stati riuniti sinora i resti di 778 vittime civili e di partigiani deceduti nelle varie località del Comune di Marzabotto.


La maggior parte delle vittime cadde nella feroce rappresaglia scatenata tra il 29 settembre ed i primi di ottobre del 1944.


Parecchi caduti dei Comuni di Grizzana e Monzuno, furono sorpresi dalla furia sterminatrice in alcune località limitrofe a quelle del Comune di Marzabotto perché da loro ritenute più sicure dalle offese nemiche. Non tutte le vittime sono state ritrovate e di alcune non si conosce neppure il nome perché appartenevano a Comuni lontani.

 

sacr2.gif

 

Così nel sacrario, su tre grandi pietre tombali di marmo nero, sono ricordati i caduti di Marzabotto, di Monzuno, di Grizzana e di Castel d'Aiano non raccolti nel sacrario o non identificati.


I caduti sono raccolti nei loculi ricavati lungo le pareti laterali della cripta, in tombe singole o in urne collettive distinte per località.


Tra le vittime innocenti, risultano 316 donne, 142 vecchi di oltre 60 anni e 216 bambini di età inferiore a 12 anni, di cui parecchi di pochi mesi, alcuni di pochi giorni: intere famiglie sono state del tutto sterminate.

 

Nei rimanenti vani della cripta sono stati raccolti i resti di 404 militari, di cui 26 caduti nella prima guerra mondiale (cittadini di Marzabotto) e 378 provenienti dai vari fronti della seconda guerra mondiale, uniti spiritualmente alle donne, ai bambini ed ai vecchi sacrificati nella stessa terribile guerra. Dietro l'altare di marmo scuro, una grande croce di bronzo dorato.
Nella fascia superiore, che corre tutt'intorno all'esedra semicircolare dell'altare, la pittrice Stella Angelini ha illustrato sinteticamente le tre fasi della guerra:

 

  • la partenza dei giovani per la guerra come soldati o come partigiani;

  • l'apoteosi nel sacrificio supremo che accomuna ai combattenti le vittime innocenti; donne, vecchi e bambini;

  • il ritorno alla pace operosa e serena del lavoro quotidiano.


Nella opposta parete di fondo, in un grande trittico dipinto dall'Angelini con una tecnica particolare su lamina d'oro, sono raffigurati:

 

  • l'atroce sterminio del settembre-ottobre 1944 che non risparmia nessuno, né le donne, né i vecchi, né i fanciulli e nemmeno i sacerdoti nelle chiese;

  • il dolore e la disperazione delle madri, delle vedove e dei figli sopravvissuti;

  • la rinascita nella libertà, tra la primavera della vita.

 

In otto nicchie, ricavate nei vani attorno alla crociera centrale, sono state poste delle composizioni in lamina di bronzo, modellate dalla Angelini che ricordano in modo assai espressivo alcuni aspetti caratteristici della lotta partigiana:

 

  • la vedetta partigiana

  • la morte dell'innocente

  • la cooperazione

  • le catene infrante

  • il soccorso al ferito

  • il dolore

  • la vedetta militare

  • la fiaccolata

sacr3.gif

 

 

Su quattro facciate della crociera centrale, delle grandi lapidi di marmo bianco riportano le motivazioni delle M.O. al Valor Militare concesse alla memoria del Cappellano Don Giovanni Fornasini, del Comandante della brigata partigiana Mario Musolesi ("Lupo") del sedicenne partigiano Gastone Rossi e del partigiano Francesco Calzolari. Le salme dei primi tre non riposano nel sacrario.
Quelle lapidi e la chiara motivazione della medagli d'Oro al Valor Militare, concessa al Comune di Marzabotto, 19 settembre 1949, scolpita all'ingresso del Sacrario, ricorderanno sempre le tragiche ed eroiche vicende vissute dai combattenti e dagli abitanti di quelle martoriati contrade.
Ma fra tante tragedie e crudeltà la scritta ammonitrice posta sul frontone del corridoio centrale: "RICORDATE E MEDITATE IL NOSTRO SACRIFICIO" riconduce ad una più pacata valutazione degli ideali di pace e di libertà per una più serena e civile comprensione tra i popoli.


Fonte

Opuscolo del Ministero della Difesa, Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra - Roma - "I Sacrari Militari della 2^ Guerra Mondiale"

Marzabotto - edizione 1999; relazione di dr.a Anna Salerno - "Parco Storico di Monte Sole e di Bruno Bertusi - Parco Storico di Monte Sole" - Marzabotto.

"Quanti, Chi e Dove", Comitato Regionale per le Onoranze ai Caduti di Marzabotto, anno 1995, ed. Ponte Nuovo Editrice Bologna.

 

 

 

 

 




torna alla pagina precedente
cerca nel sito
motore di ricerca
Leggibilità
LeggibilitàVisualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica
 
<< dicembre 2018 >>
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Comune di Marzabotto
Piazza XX Settembre, n. 1 40043 - Marzabotto tel. +39.0516780511 - fax: +39.051.931350
Indirizzo di posta elettronica certificata: comune.marzabotto@cert.provincia.bo.it
PARTITA IVA : 00530261205 CODICE FISCALE :01042720373


Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2007 ::